Il corso si propone di: fornire gli strumenti metodologici di base della riflessione antropologica e della ricerca etnografica; presentare le principali prospettive teoriche; sviluppare le competenze interculturali degli studenti. Al termine del corso lo studente: conosce le linee generali dello sviluppo della disciplina; conosce i problemi teorico-metodologici che la disciplina affronta nella sua pratica oggi; possiede buone competenze di analisi culturale dei contesti sociali e territoriali; è capace di analisi comparative cross-culturali; è in grado di individuare le coordinate per un corretto utilizzo del sapere antropologico nella futura pratica professionale; è cosciente interprete di situazioni di differenza culturale con particolare riferimento a fenomeni di mobilità umana. Programma del Corso Dopo una panoramica delle principali correnti storiche dell’antropologia e dei relativi campi di studio, saranno prese in esame le questioni relative al metodo etnografico e interpretativo della disciplina. L’ultima parte del corso sarà dedicata al tema del viaggio e all'approfondimento del legame tra antropologia e turismo. Ci si soffermerà sui punti chiave di questo legame e sulle principali aree di indagine antropologica del fenomeno. In particolare si analizzerà la questione della “mobilità umana” e della “mobilità culturale”, tema che porterà ad affrontare i più recenti dibattiti teorici della disciplina che evidenziano l'idea del "viaggio", del "movimento" e dell’ "attraversamento della frontiera", piuttosto che quella di "place" e "location". Argomenti principali: La prospettiva antropologica; L’antropologia culturale; Il concetto di cultura; La ricerca antropologica e il metodo etnografico; L’etnocentrismo e il relativismo culturale; La mobilità umana; La mobilità culturale; Le relazioni interculturali.